09 agosto 2006

La Sardegna e la "Tassa Lusso"

Continuano le polemiche sulla "Tassa Lusso" voluta e varata dal Presidente della Regione Sardegna Renato Soru.
Sono state inserite nuove imposte per i non residenti in Sardegna, imposte relative alle compravendite immobiliari, sulle seconde case, sugli aerei e le imbarcazioni dei non residenti nell'isola. In tutti questi casi scatterà il tributo a favore della Regione Sardegna.
Ed in prima linea contro la "Tassa Lusso" chi ci poteva essere se non Falvio Briatore, che anche in Sardegna ha fatto fortuna con il suo Bilionnaire. L'ultima idea del Team Manager della Renalut è stata quella di organizzare una festa di protesta al Biollionaire per giovedì 10 Agosto, perchè a suo avviso questa mossa di Soru finirà per danneggiare la Regione Sardegna. Ed a tal fine ha anche comprato un'intera pagina di pubblicità sui principali quotidiani nazionali per spiegarlo.
Queste le parole di Briatore: "Non ho niente di personale contro Soru, non l'ho mai incontrato e ci ho parlato solo una volta al telefono. La mia pagina pubblicitaria non ha nessuno scopo politico, ma si è voluta fare una tassa incredibile, anzi inutile: non porterà una lira alla Sardegna e anzi rischia di danneggiarla. Con la mia iniziativa intendo far sapere le cose che abbiamo fatto e che sono state sottovalutate e il richiamo che ha: quando in tv c'è la Formula Uno, 200 milioni di spettatori vengono bombardati da un messaggio: Billionaire, Costa Smeralda. Perchè dunque tanto accanimento contro chi, come me, in Sardegna porta capitali e lavoro".
Paradossalmente sembra quasi che Briatore sia diventato il "paladino" della Sardegna, vuol difendere il turismo dell'Isola, dopo aver portato posti di lavoro (mi ricorda qualcuno) e capitali a beneficio della Regione. Ed io che pensavo che avesse fatto tutto per interesse, credevo che il Bilionnaire fosse stato pensato per arricchirsi, mentre invece sembra si tratti solo di un'iniziativa benefica.
Credo che questa "Tassa Lusso", come è stata definita dai ricchi che dovranno pagarla, sia effettivamente una "Tassa Ambiente" che servirà per salvaguardare ed a sfruttare nel migliore dei modi il paesaggio della Sardegna e le sue spelndide coste, cosa che non è stata fatta in questi anni. Purtroppo ci sono danni ambientali dovuti a turismo "prepotente" chesi faranno sentire a lungo termine.
Anche il "povero" Bill Gates ed il suo socio Paul Allen pensavano di non far tappa in Sardegna quest'anno, perchè non volevano pagare la tassa di 15.000 Euro per il loro Yacht, che da solo gli "costa" ben 250.000 Euro a settimana.
Probabilmente proprio Paul Allen si è dimenticato di quando nell'estate 2004 venne "beccato" sulla spiaggia protetta di Cala Luna, intento a brindare all'interno di una grotta, insieme ad un gruppo di milionari a banchettare in riva per festeggiare un compleanno.
Ma andiamo a vedere "quanto valgono" queste tasse.
L’imposta regionale sulla seconda casa è stabilita nella misura annua di:
  • a) euro 900 per fabbricati di superficie fino a 60 metri quadri;
  • b) euro 1.500 per fabbricati di superficie compresa tra 61 e 100 metri quadri;
  • c) euro 2.250 per fabbricati di superficie compresa tra 101 e 150 metri quadri;
  • d) euro 3.000 per fabbricati di superficie compresa tra 151 e 200 metri quadri;
  • e) euro 15 per metro quadro per la superficie eccedente 200 metri quadri.

L’imposta regionale sulla imbarcazioni ed aereomobili è stabilita nella misura annua di:

  • a) euro 150 per gli aeromobili abilitati fino al trasporto di quattro passeggeri;
  • b) euro 400 per gli aeromobili abilitati al trasporto da cinque a dodici passeggeri;
  • c) euro 1.000 per gli aeromobili abilitati al trasporto di oltre dodici passeggeri;
  • d) euro 1.000 per le imbarcazioni di lunghezza compresa tra 14 e 15,99 metri;
  • e) euro 2.000 per le imbarcazioni di lunghezza compresa tra 16 e 19,99 metri;
  • f) euro 3.000 per le navi di lunghezza compresa tra 20 e 23,99 metri;
  • g) euro 5.000 per le navi di lunghezza compresa tra 24 e 29,99 metri;
  • h) euro 10.000 per le navi di lunghezza compresa tra 30 e 60 metri;
  • i) euro 15.000 per le navi di lunghezza superiore ai 60 metri.
  • Per le unità a vela con motore ausiliario l’imposta è ridotta del 50 per cento.

Sinceramente non mi sembrano nemmeno cifre spropositate, considerato che sono tasse annuali. Ed i soldi che evrranno incassati dalla Regione saranno utili per "riparare" gli scempi edilizi e soprattutto l'inquinamento delle acque provocato da questi Yacht. Altro che "Tassa Lusso".

3 commenti:

Elessa ha detto...

Anche tu...questa notizia ha fatto il giro del blog...altro che vergogna l'unica cosa che prova quell'uomo è menefreghismo...Briatore sta cercando disperatamente di rilanciarsi e di rilanciare il suo locale che non frequenta più nessuno...

Vax ha detto...

C'ha poco da rilanciare Flavio...... pensi piuttosto alla sua cara Elisabetta, visto cos'è costretta a fare per trovare posto in TV......

Elessa ha detto...

:) ma lei è una vittima del sistema..si sa...povera piccola doversi prostituire per lavorare..ma la sciampista..no eh..figurati...