18 febbraio 2009

Una speranza chiamata Matteo Renzi

Il Partito Democratico perde il suo Segretario, quel Walter Veltroni che l'aveva voluto con forza e che lo immaginava da oltre un decennio, anche se quando si è trovato dentro a questo nuovo e grande partito politico si è accorto che non era come lo voleva.
La politica italiana è in un periodo molto difficile, prima di tutto perchè c'è un distacco generale e generalizzato dalla politica, ma soprattutto perchè in molti si vedono costretti ad affidarsi ancora a Berlusconi ed in generale ad un vecchio che continua a fare la solita mediocre politica da ormai 15 anni.
Io non perdo la speranza che il nostro Paese possa cambiare, anche se la cosa oggi come oggi è molto difficile. Un nome su cui nutro questa mia speranza è quello di Matteo Renzi, candidato sindaco di Firenze per il PD che lo scorso fine settimana ha vinto le primarie con otlre il 40% dei consensi nel capoluogo toscano.
Spero davvero che Matteo Renzi a Giugno possa diventare il Sindaco di Firenze, per vedere poi come lavorerà e cosa riuscirà a fare. Per vedere se è veramente diverso dalla vecchia politica che ci viene propinata ogni giorni da ogni schieramento.
Oggi come oggi spero in Matteo Renzi, perchè se riuscirà (come spero) a guidare una delle città più belle del Mondo quale è Firenze, penso che nel futuro possa spingersi oltre dando questa speranza a molte altre persone e soprattutto a livello nazionale.

6 commenti:

Andria ha detto...

Il partito democratico è una creatura giovane e sta ora vivendo un period di forte crisi di identità, ma quello che di buono c'è è che esso può contare ancora su molto entusiasmo della base, un fattore fondamentale, anzi IL fattore fondamentale per la riuscita di un partito, fattore completamente messo in ombra dalle aggregazioni politiche artifiaciale che ci sono state propinate dall'alto in questi ultimi 15 anni.
Se Veltroni ha fallito è giusto e saggio da parte sua che si dimetta come si fa in tutte le democrazie evolute, e lasci spazio a qualcun altro... l'importante è che questo qualcun altro sia l'espressione di istanze promosse dal basso, non scelto dalla solita nomenclatura.
A si biri cun saludi!

duhangst ha detto...

C'è bisogno di di facce nuove.

giraffa.c ha detto...

Personalmente, ho sempre avuto forti dubbi sull'unione tra comunisti e democristiani.. per esempio, mi ha fatto molta impressione vedere persone come la Binetti tra le facce del PD, per non parlare di Rutelli, un uomo buono per tutte le giacche. Comunque, a parte la mia delusione sull'evoluzione della sinistra in nuova dc, credo nelle capacità degli uomini e vi auguro proprio che almeno a Firenze riusciate ad eleggere una persona "indipendente" e onesta, che non fa mai male.

Vax ha detto...

Beh, dal mio punto di vista non credo che Veltroni abbia fallito perchè bene o male ha dato vita ad un partito che nel giro 6/7 mesi aveva preso il 34% dei voti alle elezioni politiche. E non di fronte a nessuno, ma di fronte a quel Berlusconi che è tanto bravo a fare marketing e comunicazione così come è tanto scarso a governare il Paese.

Dal discorso che Walter ha fatto ieri si capisce come lui è stato e sarebbe ancora l'uomo giusto per provare a guidare il Paese (oltre che il PD), per provare davvero a portare una ventata di entusiasmo in un periodo difficile a livello mondiale.

Purtroppo però la storia recente insegna che a Sinistra non c'è la voglia di fare qualcosa per il Paese, ma c'è soltanto la voglia da parte di diversi individui di apparire ed imporre le proprie idee e le proprie scelte senza pensare e vedere le cose in un contesto più globalizzato.
Ed in seno al PD questa cosa si è vista proprio come si era vista nel Governo Prodi II, come si era visto ancor prima nel Governo Prodi I. In entrambi i casi ci si è dati la zappa sui piedi con le proprie mani..... e questo è il risultato.

Il PD essendo giovane deve avere pazienza, perchè è il tempo che porta a miglioramenti ed aggiustamenti. In ogni contesto ci deve essere una fase di crescita, e questo è quello che deve afare anche al PD, che tutti volevano nuovo e vincente da subito.
Condivido anche quello che dice giraffa..... non ci stanno a fare niente gente come la Binetti ma anche come lo stesso DiPietro in qualità di alleato.
Il PD dopo aver preso coscienza dei propri mezzi dovrebbe continuare a tagliare i rami secchi per cercare di far venir fuori la propria identità senza dover essere legato a chi alla fine è solo un peso (o peggio, un avversario interno).

Spero davvero che questa cosa venga capita, magari mandando in prima linea una personalità forte, con la voglia di credere in questo progetto. Io ci credo, o meglio, ci spero....

Anonimo ha detto...

[url=http://www.onlinecasinos.gd]casino[/url], also known as arranged casinos or Internet casinos, are online versions of important ("chunk and mortar") casinos. Online casinos franchise gamblers to filch up and wager on casino games to a t the Internet.
Online casinos habitually advance odds and payback percentages that are comparable to land-based casinos. Some online casinos aver on higher payback percentages during deficiency corps games, and some impel known payout wedge audits on their websites. Assuming that the online casino is using an correctly programmed unsystematically consolidate up generator, recite games like blackjack neediness an established game index edge. The payout bit as a replacement pro these games are established via the rules of the game.
Uncountable online casinos slash gone away from or come into possession of their software from companies like Microgaming, Realtime Gaming, Playtech, Worldwide Brash Technology and CryptoLogic Inc.

Anonimo ha detto...

top [url=http://www.001casino.com/]online casinos[/url] hinder the latest [url=http://www.realcazinoz.com/]free casino games[/url] unshackled no consign perk at the best [url=http://www.baywatchcasino.com/]no put reward
[/url].