30 luglio 2008

C'è il piano per Alitalia

Berlusconi salva Alitalia?Berlusconi ha pronto il piano per Alitalia. Non si tratta della famosa cordata pre-elettorale, quella è sparita nel nulla sotto le sapienti mani del mago Casanova. E pensare che qualcuno pensava (e pensa ancora) che fosse solo una mossa propagandistica.
Insomma, il piano c'è, anche se prevede 5000 esuberi. Però state tranquilli, perchè secondo il premier i 5000 "licenziamenti" verranno attutiti da alcune misure. Ci saranno degli scivoli, dei prepensionamenti. Inoltre misure di ammortizzatori sociali saranno accompagnate da altre soluzioni. L'importante,dice Berlusconi, è che "I sindacati non devono mettere il bastone tra le ruote, altrimenti salta tutto". Sembra una minaccia, ma non lo è, perchè sarà il Presidente del Consiglio a prendersi le responsabilità di questa operazione.
Ora c'è una domanda che sorge spontanea: E' stato vantaggioso non vendere ai francesi? O forse questa manovra ci è costata qualcosa in termini economici?
Perchè Alitalia perde qualcosa come 2 milioni di Euro al giorno, una cifra che sta lievitando e che da Aprile a Settembre ci costerà qualcosa come 270 milioni di Euro. Un'pò meno del prestito ponte (300 milioni di Euro) che noi contribuenti ci avviamo a pagare.
Perchè Air France prevedeva 2000 esuberi, mentre Mr. B arriva addirittura a 5000. Però ha detto che comrpa 90 aerei nuovi. Speriamo che gli rimangano i piloti per guidarli.
Questo è quello che dice il segretario del PD, Walter Veltroni: "I contribuenti dovranno di nuovo finanziare quello che poteva essere risolto con la soluzione Air France . Soluzione che prevedeva 2.150 esuberi, mentre Berlusconi ha comunicato che ce ne saranno 5 mila. Inoltre non ci sarà più un’alleanza internazionale. Qual era la soluzione migliore? E’ una domanda che attende una risposta".
Insomma, sembra che anche attorno al caso Alitalia il nostro Governo stia facendo parecchi danni. Vediamo come andrà a finire, anche se delle buone vie d'uscita oggi come oggi sono difficili da trovare.
Ma lo slogan di Berlusconi resta: Io amo l'Italia, io volo Alitalia! Oh bravo, e nel frattempo ci pigli per il culo con Bossi che...... lasciamo perdere!

6 commenti:

duhangst ha detto...

Sai mi viene in mente una cosa, secondo te, chi ci ha guadagnato dal sali e scendi delle azioni alitalia durante la campagna elettorare? Sarei curioso di sapere se ci sono state speculazioni rilevanti..

Vax ha detto...

Ma soprattutto la non-vendita di Alitalia ad Air France, lasciando la compagnia alla canna del gas, potrebbe dar la possibilità a qualcuno di acquisirla per pochi Euro.....

Tutto questo grazie a chi?

Ma soprattutto, a chi giova la situazione?

Ad Alitalia? Non credo.....

Agli italiani? Men che mai.....

Prefe ha detto...

beh
meglio "amo l'italia e volo alitalia" che quella volta che voleva chiamare la fiat "ferrari lady"
O qualcosa del genere...

bel blog!
ciao

S.B. ha detto...

L'ennesima presa per il culo .. :-(

Pape Satan Aleppe ha detto...

Ma guarda un po' quanto ci è costata la campagna elettorale del Silvio ...

Alessandro Arcuri ha detto...

Ecco perché stanno cercando di distrarre l'attenzione del popolo (bue) con l'emergenza immigrazione; oddio... non credo che se ne accorgerebbero comunque, eh, tutti presi come sono a seguire le sorti delle squadre di calcio, delle isole dei famosetti, dei gossip vacanzieri, etc etc... ahimè...